Home » Cenerino
Cenerino2017-08-13T16:46:52+00:00

Cenerino

Aspetto, caratteristiche, habitat e prezzo

Il cenerino è un pappagallo originario dell’Africa centro-occidentale. L’habitat principale è la foresta, e raramente si avvicina ai villaggi degli abitanti africani. Esistono 2 diverse sottospecie del pappagallo Psittacus erithacus, il cenerino dalla coda rossa e il cenerino Timneh, una sottospecie più piccola e poca diffusa in cattività.

È un pappagallo molto diffuso e apprezzato, e ciò è dovuto al fatto che è il miglior imitatore della voce umana. Il cenerino infatti è in grado di imparare decine di parole e suoni differenti. La particolarità da sottolineare consiste nel fatto che è in grado di abbinare la specifica parola al contesto. Famoso è il caso del cenerino Alex, studiato per più di 30 anni dalla zoologa Irene Pepperberg all’Università di Harvard (Usa). La ricercatrice è riuscita a dimostrare che il cenerino è in grado di compiere dei ragionamenti logici al livello di bambini di 3-4 anni di età.

Il pappagallo cenerino è lungo intorno ai 40-50cm (dipende dalla sottospecie) e il colore principale è il grigio, più chiaro sul ventre e più scuro sul dorso. La coda presenta un notevole contrasto con il resto del piumaggio, è infatti di un colore rosso molto acceso.

Il prezzo di un cenerino è assai variabile, e si aggira tra i 600 e i 1000€. Particolare attenzione va posta al fatto che recentemente il cenerino è passato nell’allegato A del CITES. Ciò comporta un ulteriore parte burocratica per gli allevatori e potrebbe causare una diminuzione dell’allevamento dei cenerini, con conseguente aumento del prezzo.

Carattere e comportamento

Il cenerino ha un carattere complesso, e ciò è dovuto anche alla sua notevole intelligenza. Deve perciò essere continuamente stimolato dal punto di vista intellettivo, altrimenti si rischia di farlo annoiare e nel peggiore dei casi c’è il rischio che assuma comportamenti autolesionisti. Tutto questo non accade se ogni giorno vengono dedicate diverse ore della vostra giornata a interagire con il vostro pappagallo.

È importante che venga svezzato da allevatori esperti, non serve allevarlo a mano personalmente per far si che si leghi a voi. Anzi, potrebbe addirittura diventare un problema qualora si attacchi in maniera troppo morbosa. Un consiglio che mi sento di darvi, è quello di iniziare fin da subito a farlo familiarizzare con la pettorina per portarlo all’aperto. Per un cenerino, così come per tutti i pappagalli, è molto importante la luce del sole diretta.

Il cenerino, in genere, non è particolarmente rumoroso. Ovviamente dipende da caso a caso, ma rispetto ad altri pappagalli della sua taglia, non emette rumori molto forti e in maniera frequente. Un altro consiglio che posso darvi, è quello di farlo legare ai diversi membri della famiglia. In questo modo, se la persona preferita all’interno della famiglia manca per qualche giorno, il pappagallo non soffrirà troppo la sua mancanza.

Alimentazione

La dieta base del vostro cenerino deve essere composta da estrusi di qualità, frutta, verdura (cruda e cotta) e cereali. I semi, nonostante l’errata convinzione che siano gli alimenti base da dare, sono da ridurre il più possibile, cercando di darli al massimo 1-2 volte a settimana. Lo stesso discorso vale per noci e arachidi, alimenti molto grassi, da fornire solo come premi.

Un consiglio che mi sento di darvi, è quello di consentirgli di assaggiare i cibi dal vostro piatto (attenzione a quelli tossici), in questo modo si sentirà molto più coinvolto all’interno della famiglia. Altra informazione importante è quella di lasciare sempre a disposizione un osso di seppia. I cenerini infatti spesso hanno carenze di calcio.

Gabbia

Luogo fondamentale e punto di riferimento per ogni pappagallo è la gabbia. Questo è il luogo in cui deve riposare la notte (no trespoli improvvisati o altre idee simili) e dove deve stare nel caso in cui non ci sia nessuno in casa. Senza sorveglianza, è infatti possibile che si cacci nei guai. Le dimensioni minime sono le seguenti: 80-90 cm di lunghezza per 60-70 cm di profondità per 110-120 cm di altezza.

All’interno della gabbia ci devono stare diversi giochi con cui distrarsi quando è solo, le ciotole con i diversi cibi, qualche corda e scaletta per fare un po’ di esercizio. Assolutamente da non mettere sono specchietti e campanellini. I primi rischiano di creare nella mente del vostro pappagallo un compagno che in realtà non esiste, i campanellini invece rischiano di creare comportamenti compulsivi.

Appena fuori dalla gabbia, va posizionato un trespolo attrezzato, in cui possa sostare quando voi siete in casa e lui può finalmente passare del tempo fuori dalla gabbia. All’interno della gabbia ricordo che è molto importanti predisporre posatoi di diverse dimensioni, in modo che le zampe facciano ginnastica trovando rami di diametri differenti.