Pappagalli

Ara blu

I pappagalli sono uccelli dai colori sgargianti e un becco possente. Si passa dai piccoli pappagallini come gli inseparabili, circa 15 cm di lunghezza fino alle grandi ara che raggiungono il metro di lunghezza. Caratteristiche di questi uccelli esotici sono la possibilità di parlare, gli unici animali in grado di farlo, e la grande intelligenza che li contraddistingue. I pappagalli vivono molti anni rapportati alle dimensioni. Si passa dai 10-15 anni delle specie più piccole fino ai 60-80 anni delle specie più grandi. Ovviamente le specie di medie dimensioni si attestano nel mezzo.

Una particolarità di questi splendidi animali colorati è che  si divertono molto a ballare, in particolare i cacatua. Questi pappagalli con il ciuffo infatti si divertono a farlo andare su e giù a ritmo di musica. Oltre che a ballare, molti pappagalli si divertono a fare mille acrobazie sia in gabbia che fuori dalla gabbia. È normale ad esempio trovarseli improvvisamente a testa in giù appesi ad un lampadario. Sono tra gli animali più divertenti e capaci di sorprendere in ogni occasione.

Il pappagallo, una volta considerato un animale esotico, è a tutti gli effetti un animale domestico, in particolare quelli allevati a mano. C’è anche chi è contro a tale pratica, ma non mi trova d’accordo considerato che trovo che un pappagallo sta meglio se può interagire tutti i giorni con le persone piuttosto che sia spaventato da queste. La gabbia in ogni caso, anche se esce quotidianamente, deve essere di dimensioni adeguate in modo che possa muoversi liberamente anche al suo interno. È anche necessario mettere qualche gioco, rametto o corda in modo da passare il tempo.

Ci sono moltissime specie di pappagalli (non razze, non ci sono razze di pappagalli ma specie di pappagalli) che popolano il Sud America, l’Africa e l’Asia-Oceania. Ogni continente ha specie diverse tra loro, e tranne il parrocchetto dal collare, ogni specie è unica di quel continente. Fughe accidentali e liberazioni volontarie hanno fatto si che anche in Europa e Nord America sia possibile trovare pappagalli in libertà. Per quanto riguarda l’Italia, è possibile osservare in libertà in particolare 2 specie di pappagalli colorati: il parrocchetto monaco e il parrocchetto dal collare. Oltre che a vivere e di conseguenza essere in grado di trovare autonomamente da mangiare, sono anche in grado di riprodursi. Sono inoltre presenti piccole colonie di amazzoni.

Uno degli aspetti principale affinché la convivenza con uno o più pappagalli vada bene è avere una gabbia o voliera di dimensioni consone. Per ogni specie di pappagallo presente in questo sito, ho provveduto ad inserire delle dimensioni che a mio modo di vedere possono andare bene per un corretto mantenimento. Ricordo che avere una gabbia è fondamentale, deve essere il posto nel quale sta il pappagallo quando voi non siete in casa, di notte e in altri momenti in cui comunque non è possibile farlo uscire. La gabbia ovviamente deve essere un minimo accessoriata, evitando però di esagerare non lasciando spazio di movimento al pappagallo.

Quando i pappagalli sono liberi in casa, può capitare che ogni tanto facciano i bisogni. Non sono puzzolenti e sono facili da pulire, però vi consiglio di predisporre un’area attrezzata composta da trespolo e ciotola di cibo/acqua con in basso un cassettino/giornali dove andranno a finire le feci. Con un po’ di pazienza è anche possibile insegnare ad andare sempre lì quando ne hanno necessità. Ovviamente i bisogni di un piccolo pappagallino sono di dimensioni inferiori rispetto a quelli di un grande pappagallo. Penso sia un elemento da tenere in considerazione.

Molte persone prendono i pappagalli perché sono in grado di parlare e perché molto colorati. È vero che alcune specie sono in grado parlare molto bene (ara, amazzoni, cenerino) ma molte altre sono in grado di imparare solamente alcune parole. Vi sconsiglio di prenderli se l’unico motivo è dato dal fatto che siano in grado di parlare, potreste rimanere delusi  dato che molto dipende anche dal singolo esemplare. Ovviamente poi i pappagalli parlanti piacciono a tutti, ma quello che voglio dirvi è che non deve essere l’unico motivo che vi porta ad accoglierne uno in casa.

Per quanto riguarda la scelta di quale specie prendere, per prima cosa vi consiglio di informarvi sulle specie che più vi piacciono. A quel punto un altro aspetto da tenere in considerazione riguarda il rumore. Alcune specie di pappagalli oltre a cantare e parlare, sono anche parecchio rumorose e non indicate ad esempio per la vita di condominio.

Insieme alla gabbia, un altro aspetto di fondamentale importanza per la salute del vostro pappagallo riguarda l’alimentazione. Frutta e verdura vanno fornite quotidianamente, anche se alcune specie come calopsite e cocorite non la gradiscono particolarmente. Personalmente ritengo gli estrusi (simili a delle crocchette) un alimento completo e bilanciato. Qualche volta a settimana si possono comunque dare i semi, scegliendo in ogni caso una miscela di qualità.

I pappagalli sono animali abbastanza rustici, che se trattati adeguatamente non hanno bisogno di visite veterinarie periodiche. Detto questo, qualora stiano per lunghi tratti della giornata con un piumaggio arruffato, le feci siano più liquide o molli rispetto al solito, si alimentino poco e in genere siano poco attivi, una visita dal veterinario è d’obbligo.

Il carattere e il comportamento dei pappagalli sono 2 aspetti da tenere in considerazione, soprattutto per le specie più grandi. Quest’ultime sono veramente molto intelligenti ma allo stesso tempo il rapporto che si sviluppa non è quello che si può sviluppare ad esempio tra cane e padrone, ma più un rapporto tra pari. Di conseguenza, specie con l’arrivo della maturità sessuale, se tenuto singolarmente, potrebbero esserci delle difficoltà di gestione. Motivo per cui personalmente ritengo che sia meglio avere una coppia. Ciò comunque non significa che sicuramente ci saranno problemi, se gestito correttamente non ci dovrebbero essere particolari problemi.

Per trovare dei pappagalli in vendita vi consiglio di recarvi personalmente negli allevamenti, in questo modo è possibile assicurarsi che vengano tenuti in maniera ottimale e che tutto sia a posto. Al momento il modo migliore per trovarli è quello di utilizzare internet o in alternativa i gruppi Facebook. Qualora voleste acquistare un pappagallo da imbecco, fatevi spiegare per bene come procede o ancora meglio, cercate di vedere l’esatto procedimento di imbecco, altrimenti rischierete di mettere in pericolo dal vita del piccolo pappagallo. Vi sconsiglio di compare un pappagallo in negozio, a meno che non sappiate esattamente da quanto sia lì, se tenuto correttamente e se già domestico. Non abbiate fretta, la vita dei pappagalli è molto lunga, quindi bisogna ben ponderare l’acquisto.

Negli ultimi anni sempre più persone hanno iniziato ad acquistare la pettorina per i pappagalli. La pettorina è necessaria per portare il pappagallo fuori di casa in totale sicurezza. Il mio consiglio è quello di abituarli fin da piccolissimi, meglio ancora durante lo svezzamento ad accettarla, altrimenti poi non sarà così semplice. Questo è l’unico modo per portarli fuori, non tagliate assolutamente le ali, non mettete catene alle zampe e non portateli fuori liberi, dato che basta uno spavento per perderlo.

È possibile far riprodurre i pappagalli anche in casa. Il nido va messo solo nel periodo di deposizione e allevamento dei piccoli, non va lasciato sempre ad esempio per dormire. In genere le specie più piccole sono anche le più prolifiche, più difficile invece che a riprodursi siano i pappagalli di grandi dimensioni. In genere gli allevati a mano hanno difficoltà ad allevare i piccoli.

La quasi totalità delle specie necessita di cites. Le uniche ad essere escluse sono pappagallini come la cocorita, la calopsite, l’inseparabile roseicollis e anche il parrocchetto dal collare. Assicuratevi quindi che vi venga data la documentazione necessaria, altrimenti si rischiano multe particolarmente alte.

 

Mi sembra di essere stato abbastanza esaustivo ed aver dato una panoramica generale su cosa significhi avere un pappagallo. In homepage, cliccando sulle immagini, troverete le descrizioni di molte specie. Scorrendo in basso (o lato da deskop) troverete invece alcune guide su come gestire al meglio i vostri pappagalli.